MAY ON WONKATUNES.

Sì, lo so, ormai il blog sembra molto una raccolta di consigli musicali random.
Vi assicuro che tornerò con le solite stronzate molto presto.
Promesso.
Intanto, gli ascolti di maggio tutti per voi. (Ma poi ascoltate veramente?).
Le Playlist

Annunci

APRIL ON WONKATUNES.

Le Playlist

Altro mese passato, altra playlist, aprile è stato un mese in cui ho saltato un po’ di uscite, finiranno a maggio probabilmente.
La canzone che la fa da protagonista comunque è Lady dei Chromatics, consigliatissimo l’intero album “Kill for Love”, merita.

JANUARY WONKATUNES aka (la playlist mensile che hai sempre sognato ma non hai mai osato chiedere).

Le Playlist
 

Facciamo finta che questa cosa l’abbia fatta per vostra comodità e non per mia pigrizia va bene?Questa volta link alla raccolta completa della top ten di gennaio, ordine sparso, mi sono piaciute tutte quindi non volevo scegliere una preferita.
Inserire questo link è stato una vera seccatura, wordpress non collaborava assolutamente quindi apprezzate il karma, volevo fare meno sforzo e non dover mettere tutti i link ai video e ho dovuto lo stesso fare una fatica della madonna per mettere dentro l’unico link. Che palle.

Ora fate lo sforzo di ascoltarvela.

COSE CHE HO GRADITO ASCOLTARE IN QUESTO 2011 (PARTE II).

Lo so, lo so, ci metto tanto, non che m’immagini voi stesse sudando in attesa della II parte dei Wonkatunes 2011 eh.
Ma tant’è, procediamo, direttamente dai mesi luglio/dicembre, un’altra decina di album che potreste check out just for the sake of it.

10) The Whip – Wired Together


Movimentato, se volete svagarvi il cervello è decisamente consigliato, se volete sentire qualcosa di non troppo commerciale ma danceraccio, pure.

09) Ratatat – LP4


Album rilassato, per fare cose rilassate, tipo svaccarsi in poltrona, oppure fare una passeggiata, per lo più non ci sono lyrics, trattasi principalmente di un album strumentale, maneggiare con cura, potrebbe creare dipendenza.

08) Gotye – Smoking Mirrors


Ve l’avevo già spacciato in passato, torno sul luogo del delitto perchè è uscito un nuovo album e you can get addicted to a certain kind of sadness, ascoltatevelo, con il cuore il gola. Qui purtroppo le lyrics ci sono eccome. Closure.

07) Wilco – The Whole Love


Se dovessi definirveli musicalmente, non credo troverei le parole appropriate (deh, devo espandere il mio vocabolario musicale, mi sembra necessario a questo punto) però, è stato amore con questo gruppo e con i loro strani suoni e con i loro testi, quindi, again, ascoltate Wonka.

06)Robyn – Body Talk


Commerciale da morire, ma proprio da morire, ma che volete, non posso mica sempre ascoltare i canti delle balene o musica scandinava cazzo.

05) Phoenix – Wolfgang Amadeus Phoenix


Questo è uno degli album cina, ovvero, musica che ascoltavo nella terra molto rossa e molto comunista, meglio dire che era una droga, una di quelle che ti tirano su il morale però.

04) Rapture – In the Grace Of Your Love 


E va beh, questo è bello perchè sì, insomma, vi consiglio mai musica merda?No e questo sta al quarto posto, quindi vedete un po’ voi no?

03)  Passion Pit – Manners


Ascoltare, ripetutamente, in qualsiasi occasione, principalmente se volete qualcosa che vi distragga dal tedio giornaliero.
Il motivo per cui si becca il podio è che credo sia stato uno di quegli album che non mi ha stancato, nonostante l’ascolto ripetuto e ossessivo compulsivo.

02) The Black Keys – El Camino 


Da consumare preferibilmente a colazione, prima dei pasti, dopo i pasti, in qualsiasi momento praticamente. Arrivato nella mia vita a dicembre, è entrato nella classifica scalzando un sacco di gente a gomitate, ha vinto, tutto tutto, perchè è semplicemente bellissimo, senza possibilità di appello. Potrebbe dare assuefazione. E farvi sentire dei fighi mentre camminate di proposito in slow motion (non che ne sappia niente io).

01) M83 –  Hurry Up We’re Dreaming 


Nessuna sorpresa al primo posto. Mi ci sono drogata, non sto scherzando, a casa c’erano proteste pure se l’ascoltavo con le cuffie perchè la sparavo troppo forte. Deh. Addio udito.