TUTTI UNITI FANNO UN MEGAZORD (sooner or later that’s gonna happen).

 Dovere di cronaca, questo post era stato scritto, wordpress ha deciso di mangerselo. Letterlamente. Altro che save my draft, un secondo c’era, il secondo dopo era sparito. Urlo di dolore ma va riscritto.

Chi sono i Rangers?
I Rangers nascono circa un anno fa come gruppo no-profit tra il forum di Serialmente e Twitter.
Si compongono di 4 elementi (non veniteci a dire che potevamo scegliere un gruppo da 4, i Rangers hanno sempre spaccato tutti i culi). Un po’ come in quelle saghe epiche o come nell’inizio delle avventure di D&D non si capisce com’è che dei personaggi si ritrovino nello stesso posto, nello stesso momento e che riescano ad essere così fighi. Ecco, più o meno queste sono le origini dei Rangers.
White, Green, Red, Blue. Una formazione atipica (sopratutto se considerate che il White e il Green sono più o meno la stessa persona ma che volete, ci piace distinguerci). I rangers, sono i più assidui commentatori del blog, sono il gruppo di sostegno nonchè la rete di sicurezza di Wonka. Nel momento del bisogno, noi assembliamo un megazord mentale e ci aiutiamo, cheerleadiamo, life coachiamo o semplicemente ci facciamo pat pat sulla schiena incitandoci a riprenderci mettendo a disposizione anche le mani per andare a far pagare chi ha fatto un torto ad uno di noi, si Frisio, parlo di te (e di me).

Sabato, in quel di Milano, si è verificato un evento senza precedenti, 3 Rangers sono riusciti a trovarsi nella stessa location per dare vita all’episodio I Rangers Vs Il Carnevale Ambrosiano.
I nostri tre eroi, per la precisione Wonka-White Ranger, Stewii-Green Ranger, Giada-Blue Ranger, non si ricordavano (o ignoravano nel mio caso) che il carnevale a Milano avesse una durata così lunga.
Il risultato è stata una lotta all’ultimo sangue con principesse, super eroi, coriandoli (solo io e stefano, altre principesse a caso erano felicissime di avere tanti pezzetti di carta fluttuarle intorno), stelle filanti, una bolgia infernale costituita in parte anche dai tifosi della maledetta partita Milan-Juve, sardi impazienti di mangiare un lurido e gommoso trancio di pizza da spizzico, bambini (il nemico mortale di Wonka chiaramente), musica truzza uscita dagli anni novanta, sassofonisti falliti e  musicanti random per strada.

Vorrei dirvi che abbiamo vinto noi, perchè alla fine abbiamo vinto un po’ dai, però io oggi ancora zoppico e ho le gambe che mi vogliono uccidere. Che gioia.
Dobbiamo qui aprire un capitolo, per la sottotrama di sabato, la sottotrama si chiama, moleskine di Star Wars, si chiama così indovinate perchè?Perchè la nota azienda dei taccuini preferiti da Hemingway ha deciso di fare di produrre un’edizione limitata ispirata alla serie di George Lucas, chi conoscete che non poteva far altro che cercare disperatamente il prodotto?
Wonka ovviamente, ecco chi conoscete.
Si riconosco che esagero, dopo le scarpe, i poster, le maglie, i caschi parlanti, i modellini, il gdr, la scacchiera, pure il moleskine direte voi?Shhh io posso.
Anyway, back on track, volevo questo maledetto moleskine, che perfino a Milano sembrava introvabile.
Alla conclusione della giornata, ce l’avevo tra le manine, ed era stato acquistato per me a Dicembre da Leslie Knope Giada.
Insieme alla stella della mia investitura ufficiale a sceriffo di M.Landia.

Insomma, i piedi hanno pianto ma noi siamo stati felici, e quando mi si dice che l’amicizia su internet non può nascere, che le persone le devi conoscere, che se non ci vivi la quotidianità non sono veri amici, beh la mia risposta è “voi non conoscete i Rangers”.

Mi sento moralmente obbligata a inserire i momenti musicali salienti della giornata di ieri, perchè cos’è un Wonka Post senza un momento musicale?Mi vergogno molto di ciò che sto per postare tuttavia.